Come scegliere un lettino?


A cosa prestare attenzione prima di comprare un lettino per il tuo bambino?

Nei primi mesi di vita, un neonato ha estrema necessità del contatto fisico che lo riporta alla sicurezza del grembo materno. Il bambino riceve questi valori molto importanti attraverso l’affetto e la vicinanza dei genitori, ma non solo. La maggior parte del tempo, nel primo anno di vita, il bambino lo passerà tra le braccia di mamma o papà, ma anche nel lettino/ culla. Per questo motivo, è molto importante scegliere con cura un posto dove il bambino si sentirà il più comodo e sicuro possibile mentre dorme. La domanda è quale lettino scegliere?


La risposta non è così semplice perché ogni famiglia ha esigenze diverse e la scelta del lettino migliore dipende da molti fattori, come per esempio dalle condizioni di vita (l’ambiente), il budget di spesa, ma anche dai progetti per il futuro. Allora, da dove iniziare la ricerca?


LETTINO


Sicurezza

Quando si tratta dei lettini/culle non si può ridurre tutto a un fattore meramente estetico o economico. L'importanza del benessere e della salute del vostro bambino non è trascurabile.

Su internet possiamo trovare centinaia di immagini di camere splendidamente decorate in attesa dell'arrivo di un neonato: lettini pieni di decorazioni colorate, cuscini, copertine paracolpi, peluche, baldacchini.

La domanda è: tutto questo è necessario per il tuo bambino e garantisce la sua sicurezza durante il sonno?

Secondo l'American Academy of Pediatrics (AAP) e altre organizzazioni sanitarie mondiali, il lettino più sicuro è quello...più noioso! Dovrebbe essere vuoto – solamente con un materasso adatto e un lenzuolo con angoli. Tutto qua! Se tutti vogliamo dormire più tranquilli, con la consapevolezza che stiamo facendo il meglio possibile per rendere il nostro bambino sicuro, sbarazziamoci di aggiunte inutili, e prestiamo attenzione alle due questioni più importanti: la qualità del lettino e del materasso.


La maggior parte dei lettini sul mercato rispettano le norme attuali, ma è sempre meglio essere prudenti, perché non si sa mai che ci possa capitare una rara eccezione.


Pertanto, quando si sceglie un lettino, meglio assicurarsi che:


- non abbia spigoli taglienti e gli angoli siano arrotondati;

- non abbia parti che il bambino potrebbe staccare e mettere in bocca.

- se il lettino ha le ruote, assicurati che sia possibile configurarlo con due o quattro ruote bloccabili, che permettano di fermare il movimento del lettino.

- se il lato del lettino è pieghevole, verifica che si blocchi automaticamente quando viene sollevato;

- lo stesso vale per i cosiddetti lettini da viaggio: se il letto si chiude verso l'interno, ha un doppio blocco per impedire la auto-chiusura? ;

- se per regolare il fondo del lettino ci vogliono gli attrezzi;

- i lati della culla o del lettino (quando il materasso è nella posizione rialzata) sono alti almeno 27,5 cm dall’interno.

- i pattini della culla a dondolo sono bloccabili e l'oscillazione è possibile solo spingendo/tirando con la mano (nessun motore elettrico).


Comunque per quanto riguarda l’acquisto del lettino vi sarà sufficiente assicurarvi che quello che state acquistando sia provvisto di certificazione, cioè sia stato prodotto seguendo le due normative di settore. Esistono infatti due normative europee che regolano il settore e alle quali culli e lettini devono essere conformi, la EN 716 e EN 1130.

  • La norma la EN 716 specifica i requisiti di sicurezza dei letti per bambini ad uso domestico con una lunghezza interna maggiore di 900 mm ma non maggiore di 1400 mm.

I requisiti si applicano a letti completamente assemblati e pronti per l'uso.

I letti che possono essere trasformati in altri elementi, per esempio fasciatoi e box, dovrebbero, quando trasformati, soddisfare la norma europea pertinente relativa a tale elemento. La norma non si applica a culle, culle portatili e lettini per le quali esiste un'altra norma europea.


  • La norma EN 1130 - per culle, letti supplementari e altri letti con una lunghezza massima interna del fondo del letto di 900 mm, che forniscono spazio per dormire ai bambini fino a quando sono in grado di sedersi o tirarsi su, o sollevarsi sulle mani e sulle ginocchia;


  • EN 12227 per box per bambini fino a 15 kg;


MATERASSO



Il materasso deve essere adatto alle dimensioni del lettino (non troppo piccolo!) e nuovo. Mentre il lettino può essere comprato di seconda mano, o preso in prestito da amici o familiari, il materasso dovrebbe essere inutilizzato. Questo è importante non solo per motivi di igiene, ma anche per il fatto che i materassi si consumano e si deformano, il che a sua volta può portare a una peggiore qualità del sonno e persino a difetti di postura nel vostro bambino.

Come per i lettini il materasso deve soddisfare la norma di sicurezza attuale - EN 16890:2017. Ci conviene verificare che abbia anche il certificato OEKO-TEX o Certipur, che conferma che i tessuti utilizzati per fabbricare il materasso non contengono sostanze nocive.

Per quanto riguarda le allergie, ci si può affidare all’etichetta ECARF, che certifica i prodotti a basso rischio di reazioni allergiche.


La densità, un’importanza primordiale

La prova più significativa di questa normativa è la verifica della densità: quanto cioè la testa del bambino può affondare nel materasso.

La densità dei materiali è una delle caratteristiche più importanti da tenere in considerazione quando si sceglie un materasso per neonati e bambini. Rappresenta la capacità di mantenere la colonna vertebrale ben allineata. Si misura in kg/m³ e rappresenta la quantità di materia presente in 1 metro cubo di schiuma. In linea generale, più la densità è alta, più il corpo sarà sostenuto e più il materasso durerà nel tempo.


Tuttavia, per un bambino, la densità corretta non deve essere né troppo alta, né troppo bassa. Infatti, se è troppo duro, il materasso può nuocere al comfort del bambino e provocare la sindrome della testa piatta. Se la densità è troppo bassa invece, c’è il rischio di cedimento del materasso, perciò il bambino farà fatica a muoversi oppure potrà perdere l’equilibrio quando sarà seduto. Lullaby Trust, un’organizzazione di beneficenza che lavora per prevenire le morti inaspettate nell'infanzia e promuovere la salute dei bambini, consiglia:


"Il materasso deve essere solido, completamente piatto e impermeabile, senza zone troppo morbide o imbottite, specialmente intorno alla testa del bambino. I materassi morbidi aumentano il rischio di morte in culla. Rendono difficile per i neonati perdere il calore corporeo, il che può causare il surriscaldamento dei bambini. La superficie del materasso deve essere abbastanza solida, in modo che la testa di un bambino appoggiata su di essa non affondi più di qualche millimetro. Inoltre, i materassi morbidi, che si adattano strettamente alla forma del corpo del bambino, uno: aumentano il rischio di morte improvvisa del bambino, e due: impediscono al bambino di muoversi liberamente.”


Se vogliamo che il materasso ci serva per più tempo, vale la pena scegliere uno reversibile con lato neonato/bambino, che potrà accompagnare il bambino per tanti anni.

Indipendentemente dalla stagione, è necessario che i materassi per bambini assicurino un’autoregolazione della temperatura! Come descritto nell’altro articolo (qui), le condizioni in cui dorme il bambino devono permettere di abbassare la sua temperatura corporea per il sonno ottimale.

Per quanto riguarda l'imbottitura, alcuni genitori preferiscono i materassi fatti di materiali naturali come il grano saraceno, la noce di cocco etc. Questa è sicuramente una soluzione più ecologica, ma non necessariamente più sana.

Perché?

L'imbottitura naturale assorbe l'umidità, il che favorisce lo sviluppo di microrganismi e acari. Tali materassi possono accumulare polvere, funghi o anche insetti, e per questo causare allergie.

Una valida alternativa sono i materassi in schiuma, fatti con la cosiddetta schiuma poliuretanica o di lattice.

Schiuma poliuretanica

Ottimo materiale dal momento che si adatta perfettamente al corpo dei bambini e a tutte le posizioni. Così facendo, questa schiuma permette di prevenire la sindrome della testa piatta. Inoltre, per il fatto che la schiuma è molto leggera, è molto pratico e veloce cambiare le lenzuola.


Lattice

È conosciuto per le sue proprietà anti acaro e anallergiche, poiché estratto dalla pianta dell’Hevea. Piuttosto flessibile, il lattice accompagna il bambino nei suoi movimenti e regola la temperatura del corpo. Inoltre, un materasso in lattice di qualità sarà più costoso e più pesante rispetto a un materasso in schiuma in poliuretano.


Il fatto è che non dobbiamo risparmiare sul materasso perché è da questo che dipende un sonno sano e sicuro per il nostro bambino.



DOVE FAR DORMIRE UN NEONATO?


Sapete già a cosa prestare attenzione comprando un lettino e un materasso. Quale posto scegliere per far dormire il bambino? Una Cesta di Mosè? Un lettino con le sbarre? Una culla next to me oppure un lettino da viaggio?


  1. Cesta di Mosè



Alcuni neonati dormono molto meglio nei posti più stretti perché si sentono più protetti e sicuri. Per questi bambini, la Cesta di Mosè è un'ottima scelta. È piccola, comoda e pratica che può essere collocata su una base accanto al letto dei genitori, o trasportata in cucina o soggiorno per tenere d'occhio il bambino. Il tempo di utilizzo di questo lettino è relativamente breve perché è progettato per i bambini fino a circa 3-4 mesi di età, cioè fino ai primi tentativi di girarsi da soli o fino a quando il bambino raggiunge il peso di 9 kg.

2. Culla next to me


È un'ottima soluzione per i bambini nei primi mesi di vita. È più piccolo di un lettino normale, il che può avere un impatto positivo sul sonno del vostro bambino perché il bambino probabilmente si sentirà più coccolato che in un letto grande. Può avere la forma del lettino con le sbarre, senza la possibilità di abbassamento da un lato, per attaccarlo al lettone, oppure in versione 3 in 1, che può essere utilizzato come lettino extra, culla next to me e culla a dondolo.



Culla next to me è particolarmente raccomandata alle mamme che hanno avuto un parto cesareo, perché alzarsi dal lettone può essere malto faticoso. Funziona benissimo anche per le mamme che allattano al seno, che possono farlo mentre sono sdraiate, e poi facilmente far scivolare il bambino nella culla o anche allattarlo direttamente da là (con un po’ di allenamento prima:))

La culla next to me è progettata per i bambini fino a 6 mesi di età, cioè fino al momento in cui iniziano a gattonare, tentano di sedersi autonomamente o raggiungono il peso di 9 kg. Questa soluzione è conveniente e pratica come la cesta di Mosè (si può spostarla semplicemente in un'altra stanza), con la differenza che ti potrà servire qualche mese in più.

Personalmente, sono una grande sostenitrice della culla next to me nei primi mesi di vita del bambino. Ho usato una in cui era possibile abbassare la sponda – questo mi ha dato un grande conforto psicologico, avendo il bambino vicino a me, a portata di mano, e mi ha reso più facile allattarlo e coricarlo dopo.


3. Lettino con le sbarre

Questa non è solo la soluzione più economica ma anche quella che permette un più lungo utilizzo nel tempo.

Le misure più standard dei lettini sono 60x120cm e 70x140cm. Con queste misure è più facile adattare il materasso, i coprimaterassi impermeabili e le lenzuola. I lettini possono essere utilizzati praticamente dalla nascita fino a 6-7 anni (dimensioni 70x140cm), hanno un'altezza del materasso regolabile, alcuni hanno 3 sbarre estraibili o l'intera sponda, e anche l'opzione di trasformare il lettino in un letto normale per bambini (senza sbarre).


4. Lettino da viaggio

Sul mercato possiamo trovare molti tipi di lettini da viaggio, compresi quelli che possono sostituire un lettino con le sbarre. Questa è una buona opzione se sei preoccupata che le gambine del tuo bambino possano incastrarsi tra le sbarre (fino all'età di 12 mesi non dovresti usare i paracolpi!), oppure che il tuo bambino possa sbattere la testa sul lato di legno, o che un bambino più grande possa uscire dal lettino più facilmente. I modelli turistici sono fatti di materiali morbidi e traspiranti e di solito sono spesso lettini molto profondi (il che rende più difficile per i bambini uscirne, ma non aiuta necessariamente la nostra schiena quando dobbiamo piegarci molto). Tuttavia, vale la pena prestare attenzione alla stabilità e, ancora una volta, al materasso (spesso incluso). Se hai intenzione di usare il lettino da viaggio a casa (quindi spesso), prendi un materasso di buona qualità e ben adatto, lo stesso che useresti in un lettino con le sbarre.

I lettini da viaggio sono ottimi per le vacanze, sono economici, comodi e pratici (possono essere piegati e impacchettati velocemente e occupano poco spazio).


QUALE OPZIONE SCEGLIERE?

Spero che questo articolo ti abbia avvicinato un po' di più all'argomento della scelta del posto per far dormire il tuo bambino. Ci sono molte opzioni sul mercato, tante informazioni su internet, non mancano quelle contraddittorie perciò so che l'acquisto del primo letto per il tuo bambino è una decisione non sempre facile. Tuttavia, con tutte queste informazioni a disposizione, ti suggerirei di andare in un negozio specializzato nei lettini, a dare un'occhiata ai diversi tipi presenti sul mercato e a chiedere i dettagli tecnici. Ti auguro una buona scelta e le notti tranquille e riposanti :)





* Tutte le norme sono in vigore al momento della pubblicazione di questo articolo (in futuro sarà necessario controllare che siano ancora valide)

53 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti